TECNOSETA s.r.l., nata a Zagarolo nel maggio 2019 da spin-off di ricerca, lavora su un PROGETTO DI RICOSTRUZIONE DELLA FILIERA DELLA SETA IN ITALIA, occupandosi di tutti i suoi aspetti: gelsicoltura, bachicoltura, progettazione e prototipazione di un sistema automatizzato per digitalizzare le fasi di lavorazione delle bave e produrre un filo di seta “made in Italy”.

LA GELSI-BACHICOLTURA

I primi due aspetti della filiera, ossia la coltivazione dei gelsi e l’allevamento del baco da seta, sono gestiti da due esperti dell’azienda che hanno recuperato il know-how in materia e sviluppato una tradizione territoriale, apportando importanti cambiamenti metodologici ed utilizzando risorse strumentali contemporanee.

La gestione del gelseto è conforme alle norme di produzione biologica, così da favorire la naturale fertilità del suolo attraverso la concimazione con stallatico e l’uso di fertilizzanti organici. 

eco friendly

Tutti gli strumenti utilizzati per svolgere l’allevamento su graticci sono ecocompatibili, poiché riutilizzabili, leggeri, poiché di alluminio, ed igienicamente sicuri, poiché facilmente disinfettabili.

I MACCHINARI PER IL FILO DI SETA

L’ultimo aspetto della filiera, ossia la produzione di filato serico, è gestito da un gruppo automatizzato di quattro macchinari, che è stato pensato e realizzato utilizzando materiali contemporanei – plexiglass, ABS e alluminio – e tecnologie riconducibili al concetto di “industria 4.0”, come sistemi robotici manovrati da processi a controllo numerico ed hardware programmabili tramite software dedicati.